mercoledì 2 gennaio 2019

AGRICOLTURA, ESPERTI SCRIVONO AL PARLAMENTO: SERVE INNOVAZIONE (2)

di AGRARIAN SCIENCES






Prosegue la sottoscrizione al documento:
 

Vi saremmo peraltro grati se poteste far circolare questa notizia con l'auspicio che possa essere utile ad acquisire nuove adesioni.
E' possibile visionare la proposta di legge approvata alla camera (qui) e (qui) il resoconto stenografico.
ALCUNI LINK SULLO STESSO ARGOMENTO:



16 commenti:

  1. Pasquale Napolitano2 gennaio 2019 21:13

    Sicuramente il Biologico non è il futuro ed è anacronistico e ecoinsostenibile.

    RispondiElimina
  2. Sebastiano Vanadia2 gennaio 2019 21:14

    Condivido pienamente il documento

    RispondiElimina
  3. Enrico Domenico Marchesini2 gennaio 2019 21:16

    La difesa integrata avanzata è la via più impegnativa ma la più sostenibile

    RispondiElimina
  4. Alessandro Liverani2 gennaio 2019 21:18

    Aderisco alla sottoscrizione

    RispondiElimina
  5. Miriam Bisagni2 gennaio 2019 21:19

    Condivido, il futuro e’ nell’integrazione a tutti i livelli

    RispondiElimina
  6. Condivido pienamente

    RispondiElimina
  7. Claudio Avella3 gennaio 2019 11:06

    Si all'innovazione

    RispondiElimina
  8. Iniziativa lodevole

    RispondiElimina
  9. Crescenza Dongiovanni3 gennaio 2019 18:18

    Concordo sul fatto che l'agricoltura biologica può rappresentare solo una nicchia della produzione generale. Attualmente considerando il limitato numero di sostanze ammesse nell'allegato II reg CE 834/07, l'agricoltura biologica può essere considerata una metodologia di difesa attuabile per alcune colture (cereali, olivo), quasi improponibile per altre (vite, ortive) in pieno campo ed in particolari annate, e certamente non si può parlare di agricoltura biologica ad anni alterni. Occorrebbe investire in innovazione ed integrazione dei mezzi tecnici disponibili, di sintesi, biotecnologici, naturali, antagonisti microbici, potenziare l'agricoltura integrata che sulla base delle conoscenze attuali, resta la strategia di difesa più appropriata per garantire prodotti salubri e sicuri e contemporaneamente consentire la salvaguardia delle produzioni, assicurando un reddito agli agricoltori.

    RispondiElimina
  10. La ricerca scientifica è fondamentale per la tutela ambientale e la sopravvivenza della nostra specie permettendone crescita, libertà e futuro.

    RispondiElimina
  11. MAURIZIO Petrolli4 gennaio 2019 12:21

    Condivisibile il tutto. Serve, tuttavia, una maggior 'spinta' nei confronti dei decisori europei e italiani per un urgente adeguamento della direttiva EU 18/2001tesa a definire il concetto di mutazioni naturali nell'evoluzione delle specie arboree ed erbacee posto che spesso le varietà coltivate di fruttiferi sono per lo più segreganti nelle progenie di piante autofecondate se non mutanti somatici che risultano addirittura migliori rispetto al genotipo di partenza. Le biotecnologie di seconda generazione, tra cui la 'cisgenesi' e il 'genome editing', devono rientrare all'interno di una legislazione europea per colture non OGM. Certo, la sfida di una indispensabile agricoltura sostenibile non può non alimentarsi solo della moderna biotecnologia ma deve integrare anche un ripensamento radicale delle politiche agricole, dei metodi di sfruttamento del suolo, dei mutati atteggiamenti del consumatore e di adeguate pratiche agricole.

    RispondiElimina
  12. Condivido pienamente il documento

    RispondiElimina
  13. Samuele Burati6 gennaio 2019 00:39

    Concordo col documento, ottima e lucida analisi

    RispondiElimina
  14. Aronne Galeotti6 gennaio 2019 00:40

    "Sono pienamente d'accordo.
    Occorre riaffermare con ogni mezzo il primato della Scienza sull'ignoranza, pena la progressiva perdita di autorevolezza di tutte quelle persone che studiano seriamente e/o si impegnano per il progresso dell'Agricoltura."

    RispondiElimina
  15. Rossella Gigli6 gennaio 2019 22:43

    Se non sarà la Scienza, ma solo il senso comune o la moda del momento, a improntare le scelte future per la produzione di cibo sul nostro pianeta, per quanto l'intenzione sia buona o l'illusione sia forte, i primi a soffrirne saranno gli agricoltori, ma i secondi saremo tutti noi.

    RispondiElimina

Printfriendly