lunedì 28 novembre 2022

L’INARRESTABILE MARCIA DELL’AGRICOLTURA MODERNA


SPECIALE GENETICA AGRARIA

 

di ERMANNO COMEGNA 
 



 

Scarica il PDF
Rievocare con un fascicolo speciale la figura, le opere e l’eredità scientifica e culturale di Gregorio Mendel è un atto dovuto da parte di Agrarian Sciences che ribadisce, se mai ce ne fosse bisogno, l’importanza della propensione all’innovazione, della fiducia verso la scienza e della pragmatica consapevolezza circa il ruolo del sistema agroalimentare globale che sono elementi distintivi del gruppo di persone che a vario titolo collaborano con la testata.

sabato 12 novembre 2022

LEZIONI DAI TEMPI DEL “CONCORDATO GRANDINE”: RICERCA E FORMAZIONE PER LA STIMA DEI DANNI ALLE COLTURE

 di VITTORIO ROSSI




Il “Centro sperimentale nazionale per lo studio dei danni da avversità atmosferiche in agricoltura” fu istituito presso la facoltà di Agraria, Istituto di Patologia vegetale, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede a Piacenza, a metà degli anni ’70, grazie al supporto del Concordato Italiano grandine, e sotto la direzione del prof. Giuseppe Fogliani. Le attività del Centro proseguirono poi per circa vent’anni, anche con la collaborazione del CIAG (Consorzio Italiano Assicuratori Grandine), e il sottoscritto prese la direzione del Centro a seguito della collocazione a riposo del prof. Fogliani

sabato 29 ottobre 2022

ANIMALI DEL CIRCO E BENESSERE ANIMALE: UN CONNUBIO IMPRESCINDIBILE


Breve resoconto di un pomeriggio al Circo di Vienna -Der grobe osterreichische Zirkus-, tra artisti impareggiabili e splendidi animali.


di ALESSANDRO CANTARELLI 




Nel 1979 il British Farm Animal Welfare Council enunciò le cinque libertà caratterizzanti il benessere animale:
  1. Libertà dalla fame, dalla sete, e dalla cattiva nutrizione;
  2. Libertà dai disagi ambientali;
  3. Libertà dalle malattie e dalle ferite;
  4. Libertà di poter manifestare le caratteristiche comportamentali specie-specifiche;
  5. Libertà dalla paura e dallo stress.

sabato 15 ottobre 2022

Il NO AL GLIPHOSATE DA PARTE DELL' OPINIONE PUBBLICA E' UN ALTRO ESEMPIO DI PARANOIA COLLETTIVA

di ALBERTO GUIDORZI 



Ndr: Sintomatica dell’approccio ideologico la foto di copertina. La distribuzione per via aerea del gliphosate (ma anche per insetticidi organofosfati) cioè di un erbicida totale con ben visibile della vegetazione non bersaglio nelle vicinanze significa non conoscere la logica delle pratiche agricole.

Fino al 2015, c'era poca preoccupazione per la tossicità o la cancerogenicità del glifosato. La situazione è cambiata nel marzo 2015, quando un gruppo di lavoro dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha concluso che il glifosato era " probabilmente cancerogeno per l’uomo”. Ma la monografia IARC 112 è uscita nel 2017 e aveva per titolo “alcuni insetticidi ed erbicidi organofosfati”.

domenica 9 ottobre 2022

L’INSEGNAMENTO DELL’ESTIMO NELLE UNIVERSITÀ: ATTUALITÀ E PROSPETTIVE

di GUIDO SALI


Questo intervento vuole evidenziare l’attuale presenza dell’Estimo nei corsi di laurea ad indirizzo agrario e verificarne lo “stato di salute”. Da diversi anni, infatti, nelle Facoltà di Agraria italiane l’Estimo ha perso quella centralità che ne caratterizzava l’insegnamento fino ai primi anni 2000. Ciò trova diverse concause. A seguito della riforma conseguente ai decreti 509/99 e 240/2004, sono nati numerosi percorsi formativi fortemente settorializzati che, pur rimanendo nel solco delle scienze agrarie, hanno assunto profili lontani da quello “ad ampio spettro” e finalizzato alla professione di agronomo che caratterizzava il corso in Scienze Agrarie fino alla fine del secolo scorso. 

Printfriendly