martedì 12 maggio 2020

I PIANETI DEL SOLE AL GRAN BALLO DI SATANA

Note storiche sull’agricoltura biodinamica

 



                                                                                                                               
Sfoglia




Il quaderno che proponiamo ai lettori costituisce il frutto di due sentimenti maturati, tra note di stupore, lampi di angoscia, acuirsi della volontà di comprensione, storica e scientifica, dal 25 aprile 1987, quando l'autore del testo che segue fu invitato ad assistere, in un'azienducola nelle campagne reggiane, alla lezione sull'essenza della "teosofia", la dottrina distillata da un negromante croato, Rudolf Steiner, raccogliendo, in caotico patchwork, stracci raccattati nell'immensa biblioteca composta, dall'alba, tremila anni addietro, della trasmissione scritta del pensiero, da maghi, vati dei culti praticati per onorare le divinità dell'Olimpo, quelle del Pantheon, delle mostruose divinità del Gange, le elucubrazioni di mille rabbini che, insofferenti del rigido monoteismo biblico, si profusero nella creazione di fantastiche favole sull'origine dell'Universo, dell'uomo, dei cui rapporti con le entità demoniache che avrebbero governato gli astri immaginarono mille amene versioni.

Il primo di quei sentimenti fu un'immensa meraviglia: avendo studiato, chi scrive, gli aspetti molteplici della degenerazione culturale, religiosa, filosofica, che accompagnò la dissoluzione dell'impero di Roma, non poteva non stupire verificando la ripetizione, dopo due millenni, delle medesime elucubrazioni, aberrazioni storiche, logiche, scientifiche, la diffusione delle medesime pratiche per entrare in contatto con le entità demoniache che governerebbero il Cosmo.
Credo che l'articolo che, su Terra e Vita, riferì, la settimana successiva, del singolare incontro, fosse il primo pubblicato, sulla stampa agricola nazionale, sull'agricoltura "biodinamica", l'applicazione contadinesca della "teosofia", dottrina fino ad allora in Italia praticamente sconosciuta, che in tempi brevissimi avrebbe conquistato, grazie a disponibilità finanziarie pressoché illimitate, assicurate, verosimilmente, da magnati tedeschi, la più vasta audience, tanto da poter invadere, tra il 21 ed il 23 febbraio 2014, con una grandiosa manifestazione "mondiale", Firenze, le cui autorità civiche, di matrice veteromarxista, accolsero fraternamente i devoti di una dottrina altrettanto avversa di quella di Marx all'obiettività sperimentale che fu prerogativa esclusiva della civiltà occidentale.
Il secondo di quei sentimenti fu l'incredulità per la rapidità del dilagare della setta e dei suoi simpatizzanti. Il popolo italiano frequenta le chiese cattoliche con intensità ormai ignota nella maggioranza dei paesi europei. Frequenta le chiese ma consulta, sistematicamente, la chiromante, la cartomante o il negromante, alla cui genìa le famiglie italiane verserebbero, secondo stime non prive di verosimiglianza, un tributo, rigorosamente esentasse, più elevato di quello elargito al supermercato, ai vari esercenti che contribuiscono al regolare funzionamento dell'auto, all'amministratore del condominio. Non v'è, peraltro, dubbio che i titolari dello scranno più elevato di Palazzo Chigi abbiano operato, negli ultimi tre decenni, assolutamente unanimi, per rendere ulteriormente blandi i sentimenti cattolici, radicando ancora più profondamente, nel popolo italico, la passione per spot studiati per un pubblico dal quoziente intellettuale sempre più prossimo allo 0 Kelvin, il disprezzo per i romanzi classici, la passione per il romanzetto "rosa" e quello "giallo", la credulità verso chiromanti e cartomanti, considerati, con crescente certezza, gli autentici tutori della propria salute fisica e psichica.
Accortamente, gli autentici registi della commedia teosofica avevano immaginato di utilizzare, ancora Firenze, culla della scienza sperimentale, polo di una successione prodigiosa di testimoni insigni della fede cattolica, per la spallata finale alle forze avverse, la conoscenza scientifica ed il credo cristiano. La grande offensiva, e la travolgente vittoria, erano state progettate per i giorni 27-28- 29 febbraio 2020. Per partecipare grandiosamente, in prima persona, alla strepitosa vittoria le autorità civiche avevano assicurato a maghi e streghe convenuti nella "Città del Giglio" il Salone dei 500 in Piazza della Signoria, una concessione che avrebbe solennemente sancito che Firenze rinnegava il proprio passato per partecipare alla sfolgorante rievocazione del disfacimento culturale, morale, economico della grande Roma.
Chi, peraltro, pare ancora esercitare, imprevedibilmente, sul Cosmo, un'autorità maggiore di quella dei numi demoniaci venerati dai discepoli di Steiner, ha disposto che la commedia fosse dissolta dalla tragedia, la tragedia che ha coinvolto l'Italia causa la diffusione di un microscopico, e inafferrabile, microrganismo giunto, in tempi perfetti per ridicolizzare i sontuosi preparativi, dalla Cina. Il supporto assicurato, secondo i fanatici, da tutti i numi che governerebbero i Cieli, si è dimostrato la più ridicola delle fandonie.
Queste quaderno, che era stato progettato, unica iniziativa della cultura agraria nazionale, per i tre giorni fatidici, ha potuto essere apprestato con cure maggiori, tanto da proporre la prima ricostruzione del pensiero del mago le cui pagine capitali sono conservate, nel più assoluto segreto, dagli adepti, che proponiamo, sulle nostre pagine, dai testi originari, a quanti, meravigliati dai segreti mantenuti dai vati della setta, sono, praticamente ignoti.



4 commenti:

  1. volevo salvarmi il file per leggerlo con calma, ma sembra impossibile

    ringrazio per la buona intenzione, perché sembrava interessante

    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha provato su scarica appena sotto immagine principale?

      Elimina
  2. si, non andava
    poi son riuscito, non chiedetemi come
    ne ho letto una parte finora
    interessante e divertente, non fosse per il dramma di chi crede in lui
    anni fa conobbi diversi steineriani, comunque c'era anche qualche persona valida e generosa (eccezioni), diversi erano profittatori dei generosi
    non credo fossero coscienti delle origini

    RispondiElimina
  3. finito di leggere

    se uno non è suggestionabile consiglio la lettuta di steiner di sera, è noioso e favorisce il sonno

    comunque ci sono affermazioni inconfutabili, tipo: il fuoco non è né buono né cattivo, dipende dall'uso che se ne fa

    come potremmo vivere senza tali rivelazioni?

    Antonio

    RispondiElimina

Printfriendly